venerdì 20 giugno 2014

11 La regione continentale fredda

LE REGIONI CLIMATICHE IN EUROPA


LA REGIONE CONTINENTALE FREDDA

  
DOVE SI TROVA
Nella parte meridionale dell’Islanda, nelle regioni scandinave attorno al Mar Baltico, nella Russia settentrionale e sulle montagne più alte delle Alpi, dei Pirenei, dei Carpazi e del Caucaso.
CLIMA
TEMPERATURE: variano a seconda delle stagioni e generalmente presentano una forte escursione termica: l’estate è breve ma calda (fresca nelle zone di montagna), mentre l’inverno è lungo e freddo.
PRECIPITAZIONI: le regioni attorno al Mar Baltico non ricevono l’umidità proveniente dall’Oceano Atlantico a causa delle Alpi Scandinave, perciò hanno precipitazioni scarse e concentrate soprattutto in estate. Le nevicate invernali sono limitate, ma, a causa delle basse temperature, la neve rimane a lungo sul terreno. Sulle zone di montagna piove d’estate e nevica in inverno.
VENTI: freddi.
FLORA
Alle latitudini maggiori prevalgono le foreste di conifere, che si mescolano poi alle foreste di latifoglie, le quali prevalgono decisamente alle latitudini più basse (con betulle, aceri, faggi e querce).
Nelle zone di montagna più elevate (oltre i 3.000 metri circa) la flora è assente; al di sotto troviamo muschi, licheni e alcuni fiori; più in basso (tra i 1.500 e i 2.000 metri) prevalgono le conifere.
FAUNA
È simile a quella della taiga: lupi, ermellini, visoni, volpi, orsi bruni, castori, cinghiali, lontre, martore, roditori comuni, più numerose specie di uccelli (tra cui l’oca selvatica, il cuculo, il gufo, la cinciallegra) e di pesci (la trota, il luccio nelle acque dolci; il merluzzo bianco, l’aringa e lo sgombro nelle acque salate; il salmone, che vive in entrambe).
Nelle zone di montagna, in particolare sulle Alpi, troviamo l’aquila reale, il picchio, lo stambecco, la marmotta, la vipera.
CARATTERISTICHE PARTICOLARI
La Finlandia è quasi completamente inserita nella regione a clima continentale freddo: il 76 % del suo territorio è coperto da foreste e, calcolando il numero degli abitanti, possiamo dire che ogni finlandese ha 4,7 ettari di foresta a testa. D’altra parte il 36% delle esportazioni finlandesi è legato alle industrie che producono legname. E questo in un ambiente, la taiga, dove gli alberi hanno mediamente una stagione di crescita compresa tra i 120 e i 180 giorni, cioè tra i 4 e i 6 mesi.
POPOLAZIONE
Poco adatta all’insediamento umano, questa regione è scarsamente abitata, anche se la presenza dell’uomo ha comunque contribuito a una forte riduzione della flora originaria (se si esclude la Finlandia). L’uomo che vive qui si dedica principalmente allo sfruttamento delle foreste (da cui ricava legno, cellulosa per la carta, fiammiferi – sono famosi nel mondo i fiammiferi svedesi) e all’allevamento (sia quello ittico, sia quello da pelliccia).

LE IMMAGINI:

Foresta finlandese a Nilsia
 
Bosco di betulle in Russia

Orso bruno nella taiga finlandese

Gufo grigio in Finlandia

Oche selvatiche

Un norvegese mostra il merluzzo che ha appena pescato

Salmoni

Fioritura nelle Alpi Orobie

Stambecco sulle Alpi

Camoscio dei Pirenei

Aquila reale sulle Alpi

Nessun commento:

Posta un commento